facebook
flickr
instagram

Chang'e-5 sulla LUNA: dopo 44 anni una missione per raccogliere campioni lunari

02-12-2020 12:45

Teresa Molinaro

Astronomia, missione cinese, chang'e-5, chang'e-4, luna, campioni lunari, modulo orbitale, cnsa, agenzia spaziale cinese, terra, dicembre, , oceano delle tempeste,

Chang'e-5 sulla LUNA: dopo 44 anni una missione per raccogliere campioni lunari

Allunaggio sonda cinese Chang'e-5 per raccogliere campioni lunari

Chang'e-5 direzione Luna: la sonda cinese è allunata ieri 1 dicembre 2020. 

Era dal 1976 che una missione robotica non arrivava sul nostro satellite con lo scopo di raccogliere campioni dal suolo lunare da inviare alla Terra. 

L'ultima missione del genere risale infatti a 44 anni fa, precisamente alla missione Luna 24 dell'ex Unione Sovietica.

Prima di allora i campioni del suolo lunare erano stati raccolti dagli astronauti grazie alla missione Apollo 11 della Nasa, la prima a portare l'uomo sulla Luna, e alle successive Apollo 12, 14, 15, 16 e 17, arrivando a raccogliere un totale di oltre 382 chilogrammi di rocce lunari.

La sonda Chang'e-5 era stata lanciata il 23 novembre scorso dalla base di Wenchang, nell'isola di Hainan, direzione Oceanus Procellarum, o Oceano delle Tempeste, una regione lunare più recente rispetto a quelle finora visitare dalle altre missioni lunari.​

 

 

 

1660471change5moonthumbbig-1606908986.jpg

L'ombra di una parte del veicolo Chang'e-5 sul suolo lunare. Credit: cnsa

 

L'obiettivo della missione cinese è quello di scavare con un braccio robotico a una profondità di 2 metri per raccogliere almeno 2 chilogrammi di materiale da inviare a Terra in breve tempo: il lander Chang'e-5 dovrebbe infatti lasciare il suolo lunare giovedì 3 dicembre per tornare in orbita attorno alla Luna e lo farà utilizzando la sua piattaforma di atterraggio come rampa di lancio. Il veicolo dovrà dunque agganciarsi al modulo orbitale sabato 5, dove avrà il compito di trasferire i campioni raccolti.

Il rientro a Terra è previsto per il 17 dicembre in un'area desertica della Mongolia.

Anche la partenza dal suolo del nostro satellite rappresenta un fattore eccezionale, poichè non accadeva dagli anni '70 che un modulo di allunaggio lasciasse la superficie lunare per riagganciarsi al suo modulo orbitale. 

Un evento dunque che l’Agenzia spaziale cinese (Cnsa) e non soloseguirà attentamente e con molto fermento.

Intanto nel "lato nascosto" della Luna sta operando da circa un anno un'altra missione cinese rappresentata dal rover Chang’e-4, il primo ad essere sbarcato sul lato della Luna non visibile dalla Terra. 

 

Articolo di: Teresa Molinaro

http://www.teresamolinaro.it

 

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder